Bartender d'eccezione : sei ritratti e tre importanti caratteristiche

22 Aprile 2020

Gusto per l'avventura

Seduttore o confidente, il barman è una figura mitologica nel mondo del cinema.

Sotto i bagliori dei lampadari, scoprite un sottile richiamo alle sale oscurate dei teatri. Dagli arredi al cocktail esclusivo Rouge Carlton, il Bar du Carlton gioca con il colore rosso che è il simbolo di questo hotel leggendario. Sylvain è a suo agio qui, tra decori che celebrano il mondo del cinema. La sua specialità? "Cocktail e liquori". Il suo segreto? "Il mio sorriso". Sylvain ha iniziato la sua carriera più di 15 anni fa nell'Île-de-France, la regione parigina, ed è arrivato al Carlton Lyon nel 2016.

Brice è capo bartender al Cour des Consuls, un magnifico edificio del XVIII secolo nel cuore di Tolosa. Anche lui ha iniziato la sua carriera nei dintorni di Parigi, ma non dietro al bar. Deve la sua attuale professione a un incontro fortuito con una figura di spicco del mondo della mixologia che gli ha trasmesso la passione per il bartending. Un talento che Brice ora condivide con gli ospiti di questa lounge celebre per la sua terrazza, lo champagne e i cocktail personalizzati.

Il bartender dell'Hôtel de la Cité, Jérémie, si è spinto molto più in là per soddisfare la sua curiosità. "Dopo sei mesi a Londra, dove ho scoperto la mixologia, sono andato a studiare alla European Bartender School di Sydney, prima di lavorare in uno degli hotel più importanti della città". Con questo bagaglio di esperienza sulle spalle, è tornato in Occitania, nel sud della Francia, e non si è mai guardato indietro. "L'Hôtel de la Cité è un luogo affascinante all'interno della città fortificata di Carcassonne. Il Bar Bibliothèque ha accolto ospiti illustri come Churchill, Colette, Grace Kelly ed Elton John. Io mi emoziono ogni volta che metto piede qui dentro".

Anima d'artista, talento d'artigiano

Per dare ai cocktail il loro sapore e creare la giusta atmosfera, i bartender perfezionano le tecniche e danno vita a un mondo unico.

"Il bartender è un artista". Per Brice questo commento online è stato il più grande complimento mai ricevuto. Anche Killian non nasconde il suo piacere quando viene elogiato il suo talento: "Un cliente che mi ha dato carta bianca mi ha detto che raramente aveva bevuto un cocktail così buono". Il bartender del MGallery Royal Émeraude Dinard apprezza la libertà di cui gode al Le Darling, con le sue vetrate del XIX secolo affacciate sulla spiaggia l’Écluse. Questo piano bar in un hotel risalente alla Belle Époque, è ciò che ha ispirato Killian. Insieme alla Bretagna, agli ingredienti locali e allo sciroppo di violetta, "il mio tocco personale".

Al Molitor, anche Matthews e Cristiano giocano con gli ingredienti per creare delle rinfrescanti novità. Il Rinquinquin, il liquore al timo Farigoule e altri drink del passato dai nomi pittoreschi, si combinano con i distillati più pregiati. Un esempio è il Molitor History X, un cocktail che unisce l'Absentroux con la vodka francese Grey Goose.

Mentre Matthews preferisce sapori dolci che"richiamano la gioventù", Christian ama sorprendere i clienti con le spezie. Entrambi condividono la stessa passione per la leggendaria piscina del Molitor, a cui è stata data nuova vita. Oggi, questo hotel nel 16° arrondissement di Parigi è anche famoso per il suo rooftop con vista sulla Torre Eiffel.

Sete di condivisione

In questa professione si ha a che fare con le persone. Quindi più ti piacciono gli altri, meglio lo fai.

Creare qualcosa di nuovo a partire dalle storie che gli altri raccontano, essere toccati dalla gentilezza... Questa è la parte più bella del mio lavoro dice Matthews. Brice la pensa allo stesso modo: "Vedere un sorriso dopo il primo sorso è sempre motivo di soddisfazione".

Dietro al bancone del bar, le abilità interpersonali e il savoir faire sono altrettanto importanti, e questo significa essere anche un po' camaleonti. "Dobbiamo essere discreti ma non troppo indifferenti, dato che incontriamo persone di ogni tipo" spiega Sylvain.

Per Jérémie il contatto umano è la regola più importante: "Il mio ingrediente principale consiste nell'essere piacevole verso gli altri. A volte una semplice parola e un sorriso possono fare la differenza e questo è senza dubbio il miglior cocktail del mondo per i nostri ospiti".

Creare qualcosa di nuovo a partire dalle storie che gli altri raccontano, essere toccati dalla gentilezza... Questa è la parte più bella del mio lavoro.

Matthews

Bartender al Molitor, Paris

MGallery.
Storiesthat stay